23 ott 2014

Panopticon


Panopticon è un manto sonoro avvolgente e terrorizzante al tempo stesso.
Scuote e percuote. Non lascia scampo e sconvolge l'intimo nella rappresentazione della realistica crudeltà, una crudeltà meditativa, come quella che scava nelle viscere, alla ricerca del male assoluto che alberga in ogni essere umano.

Panopticon è la smania di mantenere il controllo su ogni cosa; a sua volta l'incubo di essere costantemente controllato da un Grande Fratello che non porta celebrità.

Panopticon è la paura di guardare in alto, il terrore di trovare qualcuno che ci giudichi e immoli la privacy rendendo pubblico il sogno del nostro volo. Che c'è di male nel voler volare, in fondo? Non è stato sempre questo il sogno dell'uomo insieme all'immortalità?

Panopticon è la negazione del sogno, l'oppressione quotidiana, quella che ci creiamo nel nostro miope desiderio di essere accettati, nelle nostre fiction private delle quali siamo prigionieri. È l'affannosa ricerca di un'opprimente stabilità che spesso si traduce in sottomissione, mortificazione e addirittura umiliazione. Come la Salò di Pasolini dove l'umanità viene disumanizzata in nome del potere.

E in questo magma di sensazioni, in questi suoni che asservisco ai miei liberi pensieri, resto immobile a contemplare questo orrore perché troppo spesso lo vedo risorgere. E troppo spesso la gente se ne scandalizza dopo aver fatto di tutto per dimenticare.


8 commenti:

  1. Io conosco ed ho ascoltato "In absence of truth" e lo adoro particolarmente come album. ascolterò allora anche questo lasciandomi trasportare dalle sensazioni che tu hai condiviso.

    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In absence of truth è un buon disco, ma i dischi migliori degli Isis sono oceanic e panopticon secondo me. Panopticon specialmente è suonato particolarmente bene e ha un suono che mi piace molto.

      Elimina
  2. bella la song, spacca!!!
    spaventa tutto questo controllo, la certezza che ogni nostro passo, parola, gesto vengono visti, catalogati, archiviati...personalmente lo trovo orribile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spaventa sì, eppure lo accettiamo in un certo modo

      Elimina
  3. Il brano mi piace, nonostante non sia propriamente il mio genere^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. All'inizio ho fatto fatica a seguire la song, ma poi mi son come sentito cullato da essa... un'ottima colonna sonora per che fa da sfondo azzeccato ai pensieri che hai esposto. :)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
  5. Mi fa piacere che tu abbia apprezzato

    RispondiElimina