02 ott 2014

Un esame di merda, con una Prof. di merda, in un Paese di merda



L'Italia è un Paese che va a rotoli perché quasi tutti quelli che ricoprono ruoli importanti sono dei caproni ignoranti. Questo, ovviamente, si riflette perfettamente sul sistema scolastico, università inclusa. Tanto per farvela breve, mi sono presentato all'esame di Arti contemporanee dal Dopoguerra a oggi, dopo aver studiato come una bestia per un mese, cercando di memorizzare tutte le cose che la Prof. riteneva degne di interesse. Chiariamoci, secondo me l'arte contemporanee propone anche una marea di cagate. Prendiamo Vagina Painting di Shigeto Kubota. Cosa c'è di artistico nel dare pennellate a colpi di figa?

Shigeto Kubota - Vagina Painting 
Io non capisco! Sembra che a volte la provocazione in vada al di là dell'arte in sé. Bene, una donna è in grado di dipingere con la vulva. E sti cazzi, non lo diciamo? Dov'è il risultato artistico???
Più divertente è, invece, Piero Manzoni che vende Merda d'Artista, se non altro perché ha dimostrato quanto siano stupide le persone nell'era capitalista. Se un prodotto è ben confezionato, la gente lo compra, sia pure di merda per l'appunto.

Piero Manzoni - Merda d'artista
Insomma, che cos'è l'arte oggi? E' semplicemente l'idea o l'opera compiuta? Su questa questione io e la Prof. abbiamo dibattuto a praticamente per tutta la durata dell'eseme. Concettualmente ci siamo trovati d'accordo, ma poi quando ho citato l'esempio di Vagina Painting è andata su tutte le furie! No, la Kubota era simbolo del femminismo, dell'emancipazione, della donna che esercita il suo potere sulla con la vulva (qualcuno poi mi spiegasse la differenza con Belen Rodriguez). Così mi sono beccato un 24 soltanto perché non ho voluto condividere le sue idee strampalate! E sono passato anche per un tipo maschilista! Cioè io? Figuriamoci, ci vuole fantasia per certe cose! Perché, invece di pensare alle vagine che dipingono, la Prof. non va a leggersi Una Stanza Tutta Per Sè di Virginia Woolf. Forse perché non ha mai adottato uno pseudonimo super cool, tipo Vagina Wolf? Cazzo, io mi sono vergognato di essere maschio il giorno in cui ho letto quel libro! La povera Virginia chiedeva una stanza tutta per sé per riflettere, creare, avere il proprio spazio. Oggi invece le donne devono solo usare la vulva altrimenti nessuno se le caga. Che tristezza! Ma poi chi cazzo si crede di essere la Prof.? Chi o cosa stabilisce oggi il grado di genialità? Questa stronza sarà l'ennesima artista fallita che crede di poter giudicar tutti solo perché chissà attraverso quali canali ha ottenuto il posto che occupa tutt'ora. Porca miseria, mica parliamo di Leonardo Da Vinci! Oltre che alla maestria dietro alla sua opere c'è tutta una simbologia da considerare: estetica e idea coincidevano perfettamente, anzi c'era molto di più! E invece questa Vagina Painting cosa vuol simboleggiare? Liberazione dalla repressione sessuale o cosa? Se l'avesse fatto una bambina si sarebbe beccata certamente dei rimproveri come questo:

- Tesoro della mamma, non usare la farfallina per dipingere, poi si rovina…

Ma non finisce qui. Eh no che non finisce qui! Dopo avermi abbassato il voto, credendo di essere la professoressa di Critica dell'arte, questa balorda ha avuto anche il coraggio di propormi un master di moda del quale sarà la responsabile.

- Sa, Lei ha un volto molto particolare, e poi il suo stile è così distinto… sì, Lei funzionerebbe benissimo in questo mondo! Il master è poi molto economico, Le verrà solo 1500 euro
- Oh no, grazie, ho altre ambizioni nella vita - le ho risposto declinando l'invito
- Peccato, sarebbe stato perfetto con qualche accorgimento…

Cioè, non so se avete afferrato: una professoressa, dopo averti trattato come una pezza da culo, non per la tua ignoranza, ma perché hai un pensiero differente dal suo, ti propone di iscriverti a un master di moda (ma io studio storia!) perché "hai un volto interessante". Ecco, ammetto la sconfitta. Mi sbagliavo su Vagina Painting e ora avverto davvero la mia piccolezza dinanzi al mistero della vita e dell'umanità intera. Vagina Painting è un'opera fondamentale perché segna uno spartiacque nella storia del genere umano. Dal giorno della sua comparsa sulla Terra, certe donne non solo hanno cominciato ad usare la vulva per dipingere, no no, non si sono fermate a questo. Qualcuna è andata oltre pensando bene di sostituirla alla ragione. Datemi del maschilista, ora! Tutto questo è raccapricciante: il talento, la creatività, l'originalità, l'intuizione non hanno alcun valore. Conta solo la merda e come tale viene vendute a peso d'oro creando degli pseudo artisti che, come mosche, gli girano intorno. Piero è vivo e lotta insieme a noi!




15 commenti:

  1. Mi spiace per il tuo esame, concordo con te, uno non può beccarsi un 24 solo perchè ha un parere diverso dal prof. Il maschilismo non ha nulla a che fare con il tuo pensiero, quella non è arte, non serve aggiungere altro. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia prof del liceo, che era una grande, diceva sempre che un voto è un numero che nella vita reale conto poco.Quello che conta è la voglia di conoscere e anche se sembra una frase fatta, ti assicuro che a lungo andare funziona.

      Elimina
  2. Secondo me un esame dovrebbe proprio anche basarsi su scambi di idee e pareri (che se hai studiato, lì si vede anche il doppio).
    Ma appunto, io odio il sistema scolastico tutto.
    Ma la tizia si sgrilletta col pennello? Tanto, già che c'è... :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sgrillettarsi col pennello avrebbe senso :D

      Elimina
    2. Basta che, dipingendo, non se lo infili per sbaglio cadendoci sopra XD

      Moz-

      Elimina
    3. Serve un po' di profondità, non ci vuole molto :P

      Elimina
  3. Non ho una gran cultura (di solito mi soffermo si cose più modeste) ma ho cmq sentito parlare di questa roba "vaginale".. da donna mi ha fatto schifo.. ho pensato "ma dove siamo arrivate?! Facciamo la guerra a chi dipinge caxxi sul muro.. o chi sul muro ci dipinge col caxxo..". Cmq fa lo stesso.. :p

    La storia della tua prof mi ha ricordato la storia con la mia prof di letteratura delle superiori.
    Premetto che in letteratura ero abbastanza brava, mai scesa sotto un 8 come voto.. L'ultimo anno però la prof dichiara di voler diventare suora di clausura ("mestiere" che non comprendo perchè il bene lo si fa fuori mettendosi in gioco e non rinchiudendosi in quattro mura).. addio bei voti.
    Da quell'istante la prof pretendeva che si parlassi di Dio in ogni interrogazione, compito, tema.
    Non sono nota per la mia assidua frequentazione cattolica e non vedevo la necessità di parlare di religione quando non era necessario.. inoltre non ero una brava leccascarpe (per non dire altro) e da allora la mia media scese a 5.. insomma.. dov'era scritto che dovevo venerare e parlare di quello che voleva lei? Ma il potere era nelle sue mani e ho lasciato perdere. Guerra persa in partenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *monaca di clausura.. pardon..

      Elimina
    2. Premetto che questa è un'opera di fantasia quindi quello che hai letto non è accaduto nella realtà o meglio è accaduto in altre forme (avrei storie ben più clamorose da raccontare, ma questa mi sembrava abbastanza realistica), il sistema è veramente uno schifo perché il pensiero libero viene ucciso.
      Mi dispiace per la tua esperienza, è ben peggiore di quello che ho descritto… un buon professore dovrebbe sempre distinguere tra opinione personale e conoscenza, purtroppo non è così e lo so bene anch'io soprattutto da parte di chi è convinto di avere la verità in tasca.

      Elimina
    3. Ogni racconto nasconde sempre qualcosa di reale.. se non nella tua personale esperienza, sicuramente è nell'esperienza di qualcun'altro nel mondo.. ;p

      Elimina
    4. Sto provando a fare qualcosa di artistico, non dico che ci riuscirò, questo lo lascio giudicare a chi ha voglia di leggermi, però è un'ambizione reale la mia. Non riesco ad immaginare l'arte se non intrisa di vita e di tutto ciò che è umano, anche in questo contesto dove dei tratti umani sono mediati dalla tecnologia (mi riferisco sia alla storia in sé che anche alle nostre interazioni). Ho bisogno delle esperienze degli altri, spero di poterne metterne tante in modo che tutto questo non sia solo mio, ma un po' anche di qualcun altro. Ho in mente la struttura della storia, ma quello che scrivo nei vari post non so dove mi porta. Gli argomenti presentati tramite i post dei personaggi vengono ponderati di volta in volta e sono piccole storie nella storia, proprio come sono le nostre vite, storie in una storia molto più grande. State molto attenti quando pubblicate i commenti, perché se mi toccate potrei prendere spunto anche dai vostri suggerimenti ;)

      Elimina
  4. Quand'ero all'università io bastava una minigonna per prendere 30. Non aggiungo altro.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, sintesi perfetta di tutto il discorso ;)
      Buona giornata anche a te!

      Elimina
  5. https://www.youtube.com/watch?v=pJeM65sT8b4
    La merda è solida.
    L'arte è metaforica.

    Persa tra le nuvole

    Senti quanto puzza
    la merda
    d'artista
    Si vende una bellezza
    questa cacca
    che spiazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahaha alquanto pertinente, devo dire :)

      Elimina